Master Gichin Funakoshi

Master Gichin Funakoshi Responsable for taking Karate from the prefecture of Okinawa to Japan.
Master Gichin Funakoshi Responsable for taking Karate from the prefecture of Okinawa to Japan.

 

Il Maestro Gichin Funakoshi è considerato il padre del karatè non solo perchè fu lui a portare il karatè dalle isole d’Okinawa in Giappone, ma anche per la sua notevole dedizione nel diffondere il karatè, nello spirito del Budo.

Dopo una dimostrazione di Karatè davanti al principe (più tardi imperatore) giapponese Hiro Hito in visita ad Okinawa, il Maestro Funakoshi fu invitato dal Ministero dell’Educazione a fare la prima dimostrazione pubblica in Giappone nella primavera del 1922. Il destino fece sì che il Maestro rimanesse a Tokyo e dedicasse il resto della sua vita ad insegnare ed a diffondere il karatè, formando istruttori d’alto livello che portarono il Karatè fuori del Giappone. Il Maestro Funakoshi non fu sicuramente l’unico Maestro in Giappone ma senza dubbio quasi tutti gli altri maestri giapponesi furono, in un momento o nell’altro, suoi allievi, e il contributo dato da quest’uomo è oggi rispettato da qualsiasi praticante d’arti marziali.

Funakoshi era nato a Shuri, nelle isole d’Okinawa, il 10 Novembre 1868 e iniziò il karatè all’età di 11 anni con i più importanti Maestri d’Okinawa dell’epoca: Anko Itosu e Anko Azato. Altri suoi maestri furono il Maestro Kiyuna, il Maestro Toono, il Maestro Niigaki e il Maestro Matsumura. Egli ebbe la fortuna non solo d’imparare il karatè dai migliori esperti dell’isola, ma, essendo egli di formazione maestro di scuola, aveva anche una gran capacità pedagogica per trasmettere le sue conoscenze. In più, anche se appartenente ad una élite scolastica e aristocratica d’Okinawa, egli era rispettato soprattutto per la sua umiltà e rispetto nei confronti della gente. Egli era per natura un vero Samurai, incapace di lasciare, neanche per una volta, il bagno, se non perfettamente pulito. Per lui, questi “dettagli” dovevano essere nella natura d’un praticante delle arti marziali.

I primi istruttori formati dal Maestro furono il figlio Yoshitaka Funakoshi e Takeshi Shimoda che però morì nel 1934.Suo figlio morì nel 1945 alla giovane età di 28 anni. Quello stesso anno il Maestro raggruppò i suoi istruttori anziani più stretti e formò lo Shotokai, “shoto” che era il suo nome d’arte significando “il vento che attraversa i pini” e Kai che significa unione. Lo Shotokai era diretto da Genshin Hironishi e Shigeru Egami.

A partire dagli anni 30 il karatè fu introdotto nelle Università e il Maestro, come uomo di scuola, ebbe gran piacere ad insegnare nei Club di Karatè delle Università. La prima Università che adotto il karatè fu l’Università di Keio, che ebbe come primo capitano Isao Obata; subito dopo, nel 1931, fu fondato il club di karatè dell’università di Waseda, che ebbe come primo capitano Hiroshi Noguchi. Quest’università giocherà un ruolo importante nel conservare la linea d’insegnamento del Maestro Funakoshi, anche per il fatto che Hironishi, Egami, Okuyama e Kamata-Watanabe furono anche laureati a Waseda. In ordine cronologico i capitani dell’Università di Waseda fino al 1953 furono Noguchi, Egami, Kamata-Watanabe, Todao Okuyama, Matsuo Shibuya e Tsutomu Ohshima.

Gli anziani laureati all’Università di Waseda rimasero molto fedeli agli insegnamenti del Maestro, e in avanzata età le visite alle Università diventarono, per il Maestro, i giorni più importanti nella settimana. Anche passati gli 80 anni si racconta che il Maestro evitava gli attacchi degli allievi Universitari senza sforzo. I movimenti di Funakoshi, dopo i 60 anni, diventarono più fluidi ma molto efficaci: blocchi ed attacchi intendevano attraversare l’avversario con grande energia, in un flusso attraverso tutto il suo corpo. Le posizione del Maestro variavano da naturali a molto basse per permettere questo flusso. A differenza dei giovani istruttori che pensavano che questi movimenti naturali, senza contrazione e rigidità, erano dovuti alla sua avanzata età, i suoi istruttori senior più vicini si renderanno conto che non si trattava di questo, ma che il karatè del Maestro, dopo tutta una vita di pratica, era evoluto enormemente.

Intuendo quest’evoluzione Hironishi ed Egami cercarono di seguire la linea d’allenamento del Maestro Funakoshi; Egami racconta che dopo questo cambiamento il Maestro affermava che il karatè poteva essere praticato da donne ed anziani perché tutti potevano scoprire questa energia. Egami rimase sempre scettico su quest’idea, e fu solo qualche anno dopo la morte del Maestro che riuscì a sentire veramente le parole del Maestro attraverso il proprio corpo. Egami, le cui foto da giovane mostrano una condizione fisica straordinaria, dovette sottoporsi a due operazioni allo stomaco che lo lasciarono privo di forza fisica e con un corpo da bambino. La scelta che fece di non lasciare l’allenamento e continuare la sua ricerca gli confermò ciò che il Maestro aveva insegnato e cioè che era possibile canalizzare l’energia e raggiungere un’efficacia estrema ancora superiore a quella che aveva sperimentato fino a quel momento, senza rigidità e spreco d’energia. Da quel momento, Egami mutò la sua pratica e il concetto d’allenamento, concetto oggi seguito dalle scuole Shotokai (Vedere la sezione Shigeru Egami).

In questi anni, fra i membri del Club di Karatè di Waseda arriva un nuovo allievo, con precedenti esperienze di Sumo, Kendo e Judo; egli capisce abbastanza presto le sensazioni che Il Maestro Funakoshi provava a trasmettere. Quest’uomo era Tsutomu Ohshima, che non solo fu il primo esperto mandato da Funakoshi in America per introdurvi il karatè, ma che, malgrado tutte le tendenze, sia in Giappone che all’estero, di modificare il karatè insegnato dal Maestro, rimase fedele agli insegnamenti ricevuti e dedicherà tutta la sua vita a trasmetterli.

Così come ha scritto nella sua autobiografia, il Maestro Funakoshi vide il Karatè diffondersi fuori dall’isola Nipponica, con la prima dimostrazione in America, nella quale egli portò Isao Obata, Toshio Kamata-Watanabe e Masatoshi Nakayama e poi vedendo, nel 1955, ancora in vita, il suo allievo, e a quel momento esperto, Tsutomu Ohshima partire e stabilirsi oltremare con l’obiettivo di diffondere il karatè come stile di vita, nella essenza del Budo. Funakoshi scrive lo stesso anno: “Adesso mi rendo conto dell’importanza di mandare esperti ad insegnare il karatè oltremare.”

Il Maestro Funakoshi morì nel 1957 lasciando un’eredità di Maestri e istruttori che hanno fatto conoscere il karatè in ogni angolo della terra. Egli porta il tributo d’un uomo che, salvo in una sola occasione in avanzata età, non ebbe mai bisogno di difendersi, non fu mai intrappolato nella condizione di dover dimostrare le sue abilità. Per questo il Maestro Funakoshi rappresenta lo spirito del vero Samurai, il quale diventa Maestro della spada con l’unico obiettivo di difendere il suo Lord o la giustizia, ma non è mai costretto a confrontarsi con altri uomini per provare qualsiasi cosa. Come disse il Maestro Ohshima: “…semplicemente perché, se siamo veri karateka, uomini di questo genere non meritano nemmeno di essere nostri avversari”.

Oggi l’Università di Waseda possiede ancora uno dei Club di Karatè più rispettabili in Giappone, e anche se la gran parte degli allievi continuano a puntare sul karatè per le gare inter-universitarie, a conoscenza di pochi, si può ancora trovare tutti i giorni nel dojo il Maestro Toshio Kamata-Watanabe che prova ad insegnare le tecniche di base ed i kata, come ci provava una volta il Maestro Gichin Funakoshi. (vedi Toshio Kamata-Watanabe).

Funakoshi’s Word:
– We do not practice Karate to fight;
– If the higher is expected, go low, if the lower is expected, go high;
– In Karate, there is no advantage in being the first attacker;
– To become a complete man, be a student of both life and the martial arts;
– Practice Karate to become gentlemen, not merely fighters;
– One must have dignity without ferocity;
– Daily life should begin and finish with “rei”, on every occasion;
– It is more important to train the mind than the body;
– The mind has to be free;
– Misfortune occurs when the mind becomes dull and careless;
– Do not think that Karate is only in the Dojo;
– Karate practice is for the whole life. While one breathes, one practices;
– Karate is like hot water, if one stops heating it, it becomes cold;
– Don’t be eager to win, rather be determined not to lose;

Members of Suisse Shotokan Karate